E il mio peso?

Oggi mi stavo guardando allo specchio e a guardarmi c'era una me scontenta. Guardavo la mia immagine e ciò che non mi piaceva. Ho visto solo ciò che volevo cambiare. Questo è in contraddizione con quello che dico ai miei studenti. Di solito li lascio guardare nello specchio e vedere cosa gli piace di se stessi.

Comprendiamolo

Ma devo ammettere che oggi non avevo voglia di farlo. Mi sono chiesta questo e ho deciso di dare un'occhiata da vicino al motivo per cui mi sentivo frustrata con me stessa e come questo sentimento fugace come può essere può far guadagnare una principessa a cantare il blues, nel mio caso fuori chiave. Durante la mia carriera di ballerina le persone hanno commentato il mio peso.

Perché la gente pensa che sia giusto fare un commento sul peso di qualcun altro? La nostra società è diventata ossessionata dal peso e nella nostra area di intrattenimento siamo tenuti a mantenere un certo standard. Ricordo di aver ballato in un bellissimo ristorante a Dallas e mi è stato detto da un cliente abituale che dovevo perdere 5 libbre e poi sarei stata perfetta. Sono rimasta lì scioccata e tutto quello che potevo fare era annuire con la testa e andarmene.

Prendere in considerazione

Me l'ha detto davanti ad altri clienti e ricordo che mi vergognavo e mi impegnavo a perdere 10 libbre! So che aveva in mente il mio interesse, ma tutto quello che ho sentito è stato: "Dovrai perdere peso". Così la mia immagine di me stessa è crollata un po' quella notte e quello che non capivo era che quelle parole sarebbero rimaste con me per così tanto tempo. La mia prossima domanda è che ha deciso quale standard devono sostenere le danzatrici del ventre? Beh, so che ci sono molti ristoranti e locali notturni che vogliono ballerine che siano di una certa percentuale.

C'è un certo numero di ristoranti che non assumeranno quello che pensano di una ballerina in sovrappeso. Lo so perché ho lavorato in alcuni ristoranti che non dicono ai ballerini in sovrappeso che non li assumeranno, gli diranno solo che non hanno bisogno di ballerini o che il posto è stato occupato. Quindi questo mina il rapporto dell'attuale ballerina di casa con la sua comunità di ballo? Come puoi dire ad un'altra ballerina che è sovrappeso? Non posso o dovrei dire non voglio, perché sarebbe come il bue che chiama l'asino.

Peso

È una questione personale e dovrebbe essere affrontata solo se richiesta. Ma non è totalmente colpa del ristorante o delle danzatrici a domicilio perché anche i clienti dettano il tipo di danzatrici che vorrebbero vedere. La maggior parte dei supervisori assumerà danzatrici del ventre che sono piacevoli alla vista secondo gli standard della società piuttosto che i criteri delle ragazze. Quindi come possiamo noi ragazze modificare questi cosiddetti "criteri"? Questa è una domanda molto difficile a cui rispondere perché quante persone photoshopano le nostre fotografie? Quante persone comprano costumi che nascondono le nostre "aree problematiche"? Quante persone si sono sottoposte a diete drastiche prima di avere una performance significativa? Io valuto il mio peso in base a come i miei abiti si adattano a me e ho amici che fanno lo stesso.

Quando vado a dieta la prima cosa che faccio dopo un paio di volte è mettere una delle mie spalline. Quindi come faccio a sentirmi bene con la mia immagine corporea, visto che può essere bella solo se sembro in un certo modo nei miei abiti? La mia immagine è diventata sfocata perché ho permesso a questi criteri di dettare il mio aspetto. Quindi, se voglio andare testa a testa con questo standard rispetto alla prima cosa che devo fare è iniziare con i miei problemi e trovare un modo per lasciarli andare.

Ricerca

Un gruppo di studio americano nel 2003 ha dichiarato che dal 50 al 70 per cento delle ragazze di peso normale pensano di essere in sovrappeso. Stiamo cercando di raggiungere un'immagine perfetta che in realtà esiste solo nella nostra mente? Per poter rispondere a questa domanda sono tornata allo specchio e ho introdotto una rivista con me e ho sfogliato le pagine fino a quando sono arrivata a quella che pensavo fosse la donna ideale. Io avevo il seno e lei no, io avevo i fianchi e lei no. Lei aveva un aspetto duro perché era così magra.

Poi ho capito che l'immagine che mi guardava allo specchio non era poi così male. Quella che pensavo fosse la ragazza ideale si è rivelata essere di parte. Se non possiamo collegarci alle fotografie nelle riviste, perché lasciamo che siano queste immagini a dettare il nostro aspetto? Quando vedo le ballerine sul palco tutto quello che so è che sono la più bella visione della femminilità che posso immaginare. Quindi credo di essere in contraddizione con me stessa, visto che anch'io ogni tanto sono lassù sul palco.

I miei momenti preferiti sono nel camerino appena prima di una produzione o di uno spettacolo, sentendo e vedendo tutta l'energia eccitata nella stanza. Se questa sensazione potesse essere fissata in un dipinto sarebbe un capolavoro. Allora perché con queste immagini nella mia mente è così difficile per me guardarmi allo specchio e amare ciò che vedo? Credo che sia perché ho deciso in giovane età di accumulare e raccogliere tutte le esperienze negative e i commenti che mi sono arrivati. Così ho deciso di abbandonare i ricordi che non servivano più a me o alla mia immagine. Li ho gettati in un impercettibile cestino. Indovinate un po', all'improvviso ho cominciato a sentirmi meglio.

Nota finale

Questo mi ha portato a diventare curiosa sulla nostra immagine come donne nel corso della storia, e così ho dato un'occhiata a come ci siamo spostate per diventare quello che siamo ora. Nel 1890 se sei grassoccia e hai una carnagione chiara, sei sexy (questo significava che non lavoravi). All'inizio del 1900 il corsetto e la figura a clessidra erano di gran moda (e allora? se non potevi respirare). Negli anni '20 se hai il petto piatto e sei magra, il mondo era la tua ostrica. Negli anni 50 e 60 Marilyn Monroe dominava, ma Twiggy era proprio accanto a lei. Gli anni 70 e 80 erano tutti incentrati sull'esercizio fisico e senza grasso corporeo (non dimentichiamoci dei capelli). Negli anni 90 i seni grandi e i fianchi stretti sono diventati lo standard (non proprio). E ora, le donne sono un mix di tutto quanto sopra. Come danzatrice del ventre posso sopportare di essere un po' di tutte le generazioni. E infatti, se date un'occhiata alla nostra comunità di danza, vedrete anche la nostra storia in ogni donna viva. Come donne dobbiamo scegliere ciò che si adatta alla nostra visione della bellezza. E dopo aver studiato la nostra storia ho capito che ero in una compagnia fantastica. Così mi sono guardata allo specchio, ho riso e ho visto qualcosa che mi sarebbe piaciuto, un sorriso.